Mail

Assalto notturno alla clinica degli Indifesi

Betlemme, 9 aprile 2014

 

Donne

 

Nella notte di ieri, verso le 3.30, l’esercito israeliano ha fatto irruzione in una clinica medica di Betlemme. Durante l’irruzione i soldati hanno danneggiato porte e finestre e hanno sfondato gli uffici tecnici della struttura, portando via tutti i computer con i dati sensibili dei pazienti. Non risultano danni alle persone ma il blitz ha seminato il panico negli addetti della piccola clinica, che al mattino hanno scoperto l’accaduto. Nella mattinata un medico che lì presta servizio è stato arrestato.

BoccheScucite è stata informata, a poche ore dal grave attacco, direttamente dal direttore, un apprezzato amico di Pax Christi Italia grazie alla sua pacifica e tenace opera per garantire il servizio sanitario anche alle famiglie più emarginate ed indigenti di Betlemme, altrimenti impossibilitate ad ottenere cure adeguate.

Quel disperato appello ‘Parlate di noi in Italia’, che i “pellegrini di giustizia” in visita a Betlemme più volte l’anno sentono dalla voce ferma del medico, diventa in queste ore un drammatico appello a testimoniare l’impunità che copre questo come gli altri infiniti crimini che Israele perpetra nei confronti della popolazione palestinese dei Territori Occupati.

 

Nandino Capovilla

(referente Campagna Ponti e non Muri di Pax Christi Italia)