Mail

Punto pace di Verona – No alle sanzioni alla Siria. Cessate il fuoco e aiuti immediati

Pax Christi Verona

Pax Christi Verona, davanti all’immane tragedia che ha colpito, oltre la Turchia, anche la Siria, propone due iniziative.

La prima riguarda la sospensione delle sanzioni alla Siria per permettere ai soccorsi di arrivare il più rapidamente possibile in aiuto a una popolazione stremata da una guerra decennale, dal sisma di questi giorni e da un’epidemia di colera con le strutture sanitarie distrutte. Le sanzioni colpiscono soprattutto i più deboli, soffocano i poveri e impediscono la ricostruzione, la riabilitazione e la rinascita economica della Siria. Condividiamo, al riguardo, l’appello della Comunità di San Egidio e del card. Zuppi. Speriamo che l’Europa lo condivida.

La seconda concerne l’aiuto alla Siria tramite l’amico veronese cardinale Mario Zenari, nunzio apostolico in Siria. Durante alcuni giorni di riposo nella nostra provincia, ci ha detto che dal 2011 a oggi la guerra ha provocato mezzo milione di vittime con oltre 13 milioni di sfollati. Oggi la situazione va di male in peggio. Manca tutto. “Ho visto morire la gente -ha osservato- adesso vedo morire la speranza”. Per lui, la Siria assomiglia a un “gigantesco cimitero” e rischia di sprofondare nell’oblio. Il suo appello su “Avvenire” e su “L’Arena” di oggi 8 febbraio, è accorato e drammatico soprattutto quando chiede un “cessate il fuoco” per muoversi e, almeno, respirare. Ci sembra giusto, ognuno come può, aiutare la Siria aiutandolo. Si può farlo sostenendo gli interventi della Caritas (ccp 347013) oppure tramite il sito Homepage – Caritas Italiana. Nel veronese sono in contatto con lui le Piccole suore della Sacra famiglia di Castelletto di Brenzone (Amici delle Missioni. Progetto Siria).