Mail

Pedro Almodovar, Tilda Swinton, Mark Ruffalo chiedono “piena responsabilità” per l’uccisione della giornalista palestinese

https://www.hollywoodreporter.com/tv/tv-news/pedro-almodovar-tilda-swinton-mark-ruffalo-demand-accountability-for-killing-palestine-journalist-shireen-abu-akleh-1235150196/

La lettera, firmata da 126 artisti, tra cui Ken Loach, Mike Leigh e Jim Jarmusch, condanna anche l’attacco della polizia israeliana contro i partecipanti al funerale della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh.

Pedro Almodovar, Susan Sarandon, Ken Loach, Mike Leigh, Tilda Swinton, Mark Ruffalo, Asif Kapadia, Miriam Margolyes, Boots Riley, Jim Jarmusch, Steve Coogan, Naomi Klein, Hany Abu Assad e Peter Gabriel sono tra i 126 artisti che hanno sottoscritto una dichiarazione che chiede “misure significative per garantire la responsabilità dell’uccisione di Shireen Abu Akleh e di tutti gli altri civili palestinesi”.

Nota e stimata giornalista palestinese-americana che ha lavorato per 25 anni per Al Jazeera, Abu Akleh è stata uccisa mentre copriva un raid dell’esercito israeliano a Jenin, in Cisgiordania. La sua morte, attribuita alle forze israeliane sia da testimoni oculari che da Al Jazeera, e le violenze scoppiate durante il suo funerale a Gerusalemme Est, quando la polizia israeliana ha attaccato i partecipanti al funerale e i trasportatori della bara, hanno suscitato la condanna di tutto il mondo.

Riportiamo qui sotto la traduzione completa della lettera pubblicata da Artists for Palestine U.K.:

“Siamo profondamente turbati dall’uccisione da parte delle forze di occupazione israeliane della stimata giornalista palestinese Shireen Abu Akleh, mentre documentava, indossando un giubbotto stampa chiaramente contrassegnato, un’incursione israeliana nella città occupata di Jenin, mercoledì scorso. Mentre piangiamo la sua perdita, chiediamo la piena responsabilità degli autori di questo crimine e di tutti coloro che lo hanno autorizzato.

L’attacco delle forze israeliane pesantemente armate contro i partecipanti al funerale ci ha ulteriormente sconcertato e inorridito. I soldati hanno picchiato e preso a calci i presenti e i trasportatori del feretro nel cortile dell’ospedale San Giuseppe, a Gerusalemme Est occupata, per impedire loro di portare la bara di Abu Akleh e di marciare verso la chiesa per il servizio funebre previsto.

Cosa dobbiamo pensare della sfacciataggine e della crudeltà di questo attacco alla dignità umana?

L’uccisione di Shireen Abu Akleh è una grave violazione del diritto umanitario internazionale e un attacco al giornalismo e alla libertà di espressione. Gli esperti di diritti umani delle Nazioni Unite e internazionali hanno affermato che potrebbe costituire un crimine di guerra e dovrebbe essere oggetto di un’indagine internazionale indipendente e trasparente. Tuttavia, si tratta di un evento tutt’altro che isolato.

Dal 2000 le forze israeliane hanno ucciso 45 giornalisti e ne hanno feriti molti di più, semplicemente per aver fatto il loro lavoro. Questi crimini fanno parte di un modello di violenza, molestie e intimidazioni contro i giornalisti palestinesi che fanno luce su ciò che Amnesty International, Human Rights Watch e la principale organizzazione israeliana per i diritti umani, B’Tselem, hanno descritto come un sistema di apartheid imposto al popolo palestinese.

Per molti anni, i gruppi palestinesi per i diritti umani e la società civile hanno chiesto alla comunità internazionale di adottare misure proporzionate e mirate per chiedere conto a Israele dei suoi crimini e per porre fine alla sua impunità. Noi sosteniamo pienamente questo appello.

Quando le politiche di Israele violano palesemente le leggi e le norme internazionali, è perché le potenze occidentali hanno costantemente fornito una copertura diplomatica per farlo. Non è passato inosservato che, mentre i nostri governi si sono affrettati a imporre boicottaggi e sanzioni generalizzate in risposta all’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia e alla crudeltà dei suoi attacchi contro la popolazione civile, gli stessi governi continuano a finanziare e a proteggere l’occupazione pluridecennale di Israele e le gravi violazioni dei diritti umani contro i palestinesi.

Nel frattempo, i nostri governi adottano misure antidemocratiche per reprimere le campagne di pressione nonviolente dei loro stessi cittadini, volte a chiedere conto a Israele e alle aziende e istituzioni che sono complici del suo sistema di oppressione.

Chiediamo ai nostri governi di porre fine alla loro ipocrisia e di agire con coerenza nell’applicazione del diritto internazionale e dei diritti umani. Li invitiamo ad adottare misure significative per garantire la responsabilità dell’uccisione di Shireen Abu Akleh e di tutti gli altri civili palestinesi. Non ci devono essere due pesi e due misure quando si tratta del diritto umano fondamentale alla libertà dalla persecuzione e dall’oppressione e del diritto alla vita e alla dignità”.