Mail

Ban the bomb -Corso online di formazione sul disarmo nucleare

Rivolto ad insegnanti delle scuole secondarie di 1° e 2° grado, agli educatori e agli studenti universitari

Papa Francesco, in piena continuità con il Magistero dei suoi predecessori, da Giovanni XXIII a Paolo VI, da Giovanni Paolo II a Benedetto XVI, ai partecipanti al simposio internazionale “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”, tenutosi in Vaticano 10/11 novembre 2017, ha ribadito:
“E’ da condannare con fermezza la minaccia dell’uso di armi nucleari, nonché il loro stesso possesso, proprio perché la loro esistenza è funzionale a una logica di paura che non riguarda solo le parti in conflitto, ma l’intero genere umano. Le armi di distruzione di massa, in particolare quelle atomiche, altro non generano che un ingannevole senso di sicurezza e non possono costituire la base della pacifica convivenza fra i membri della famiglia umana, che deve invece ispirarsi ad un’etica di solidarietà.”

E nel Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 1° gennaio 2021, ci scrive:
“Quanta dispersione di risorse vi è per le armi, in particolare per quelle nucleari, risorse che potrebbero essere utilizzate per priorità più significative per garantire la sicurezza delle persone, quali la promozione della pace e dello sviluppo umano integrale, la lotta alla povertà, la garanzia dei bisogni sanitari. Anche questo, d’altronde, è messo in luce da problemi globali come l’attuale pandemia da covid-19 e dai cambiamenti climatici.
Che decisione coraggiosa sarebbe quella di costituire con i soldi che si impegnano per le armi e in altre spese militari un “Fondo mondiale” per poter eliminare definitivamente la fame e contribuire allo sviluppo dei Paesi più poveri
”.

Il 21 gennaio 2021 è entrato in vigore (per i 51 Stati che lo avevano già ratificato) il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari (TPNW), la prima norma internazionale che mette fuorilegge gli ordigni più distruttivi e inumani della storia.
“Le armi nucleari sono sempre state immorali. Ora sono illegali” è il grido di gioia che sta percorrendo tutte le latitudini e che corona anni di sforzi della società civile, riunita in particolare nella International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (ICAN – Premio Nobel per la Pace 2017) di cui in Italia fanno parte Senzatomica e Rete Italiana Pace e Disarmo. Purtroppo l’Italia non ha ancora ratificato il trattato.

Il tema del disarmo nucleare è quindi una questione centrale della politica internazionale e una via irrinunciabile verso la pace tra i popoli e gli stati. Per questo Pax Christi propone un laboratorio per illustrare ai docenti di Religione Cattolica ma anche ad altri docenti delle scuole di primo e secondo grado, il problema del Disarmo
nucleare. Il corso è gratuito e si svolge online. Il link per partecipare sarà inviato per email prima di ogni
incontro.
Per informazioni tel. 334-8905921
Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza da parte di Pax Christi Italia con
indicazione degli incontri a cui si è partecipato.

Qui sotto il modulo per iscriversi da restituire entro il prossimo 31 gennaio. Il corso è completamente gratuito

PROGRAMMA

1° incontro – mercoledì 23 marzo 2022 (h 18.00-20.00)
Sulle vie della pace e della non violenza: il contributo della dottrina sociale della chiesa per
un mondo senza guerre
✓ Mons. Antonio Napolioni: le radici bibliche della nonviolenza
✓ Mons. Giovanni Ricchiuti: la Dottrina sociale per un mondo senza guerre
✓ Don Fabio Corazzina: a confronto con la realtà odierna

2° incontro mercoledì 30 marzo 2022 (h 18 .00 20 .00)
ll Diritto internazionale in tema di pace
, guerra e non violenza, le Istituzioni internazionali e nazionali, i trattati.
✓ Il ruolo degli organismi internazionali, europei e nazionali deputati alla Pace: ONU,
Comunità Europea
✓ La situazione delle armi nucleari nel mondo, in Europa ed in Italia
✓ I trattati internazionali per il controllo delle armi nucleari
• Li sa Clark , rappresentante italiana della Campagna internazionale ICAN per l’abolizione
delle armi nucleari
• Francesco Vignarca , Coordinatore nazionale Rete Italiana Pace e Disarmo (RIPD)

3° in contro mercoledì 6 aprile 2022 (h 18 .00 20 .00)
Cosa si è fatto e si sta facendo in tema di disarmo nucleare
✓ Cosa si è fatto e cosa si deve fare per abolire le armi nucleari
✓ Il TPNW trattato di proibizione delle armi nucleari
✓ Campagna Italia Ripensaci
• Lisa Clark , rappresentante italiana della Campagna internazionale ICAN pe r l’abolizione
delle armi nucleari
• Francesco Vignarca Coordinatore nazionale Rete Italiana Pace e Disarmo ( RIPD)

4° incontro mercoledì 13 aprile 2022 (h 18 .00 20 .00)
Presentazione dei materiali didattici
✓ Filmati
✓ Documenti
✓ Presentazioni tematiche in power point
✓ Proposta di un’esperienza per ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado
• Sonia Zuccolotto, del Consiglio Nazionale di Pax Christi, insegnante di religione
• Carla Bozzini , docente di matematica e fisica

Il laboratorio è strutturato in tre momenti di informazione (fornita attraverso slides o attraverso video), seguiti, ognuno, da un gioco a quiz (nella versione originale prodotto con Kahoot) che aiuta a stimolare l’attenzione e la partecipazione dei ragazzi. Si pone gli obiettivi di informare sull’entrata in vigore del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, sul processo (partito dal basso) che ha portato alla sua ratifica, sulla attuale posizione della politica Italiana e il fatto che in Italia siano presenti basi militari e stimolare la riflessione sui pericoli costituiti della detenzione di armi nucleari e sulla importanza dell’impegno nonviolento per ottenere un possibile cambiamento.


Riferimenti normativi
✔ Legge 20 agosto 2019, n. 92 recante “Introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica”;
✔ ARTT. 11, 2, 10, 18 e 21 della Costituzione Italiana;
✔ Obiettivo n. 16 dell’Agenda 2030.

Obiettivi (scelti tra quelli previsti agli art. 1, 2, 3, 4, 5 della sopracitata legge n. 92/2019)
✔ Sviluppare la conoscenza e la comprensione delle strutture e dei profili sociali, giuridici e istituzionali, a livello italiano e Internazionale in primis dell’ONU;
✔ Accrescere la conoscenza delle realtà operanti anche sul nostro territorio;
✔ Favorire la conoscenza della Costituzione Italiana (IN PARTICOLARE DELL’ART. 11), non solo come norma cardine del nostro ordinamento, ma anche come criterio per identificare diritti, doveri, compiti, comportamenti personali e istituzionali, finalizzati a promuovere il pieno sviluppo della persona e la partecipazione di tutti i cittadini all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese;
✔ Favorire la conoscenza e la riflessione di significato sugli articoli della Agenda 2030;
✔ Riflettere sull’importanza del rispetto nei confronti delle persone, dell’ambiente e della natura;
✔ Promuovere la partecipazione piena e consapevole alla vita sociale delle comunità;
✔ Promuovere comportamenti improntati a una cittadinanza consapevole, non solo dei diritti, dei doveri e delle regole di convivenza, ma anche delle sfide del
presente e dell’immediato futuro (IN PARTICOLARE DELLA SFIDA SUL
NUCLEARE)

Qui sotto il programma in PDF con un approfondimento e una breve descrizione dei relatori assieme ancora al modulo per l’iscrizione al corso