Mail

54° Marcia per la Pace, Savona 31 dicembre 2021 – Programma

Educazione, lavoro, dialogo tra le generazioni: strumenti per edificare una pace duratura

La 54° Marcia nazionale per la pace, che ha Savona come sede, è organizzata, insieme alla diocesi di Savona-Noli, dalla Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, dall’Azione cattolica italiana, dalla Caritas italiana, e da Pax Christi. Il tema di quest’edizione e del messaggio del Santo Padre per la 55° Giornata mondiale della pace è “Educazione, lavoro, dialogo tra le generazioni: strumenti per edificare una pace duratura”. Il ritrovo è il 31 dicembre alle ore 16,30 in piazza Mameli, in centro Savona. Dopo l’accoglienza, la prima tappa inizierà alle ore 17 con i rintocchi della campana della piazza in memoria di tutte le vittime della guerra (rintocchi anticipati di un’ora per
l’occasione) e con i saluti introduttivi delle istituzioni, del vescovo di Savona monsignor Calogero Marino, e di rappresentanti delle confessioni religiose presenti sul territorio. La marcia partirà quindi da piazza Mameli, proseguirà per via Paleocapa, piazza del Popolo, via IV novembre, ponte sul Letimbro, via don Minzoni, piazza Aldo Moro (stazione F.S.) per arrivare alla prima tappa nei giardini di piazza delle Nazioni. Questa tappa sarà affidata alla comunità di San Benedetto al Porto di Genova, la realtà fondata da don Andrea Gallo. Interverranno alcune operatrici della
comunità.
Dopo la prima tappa, la marcia proseguirà per via Leopardi, via Tasso, via De Amicis, piazza Consolazione, corso Viglienzoni, corso Colombo, e piazzale Eroe dei due mondi per la seconda tappa. Qui è previsto un confronto fra il giornalista di “Avvenire” Nello Scavo e don Renato Sacco di Pax Christi. Si proseguirà poi lungo viale Dante Alighieri e corso Mazzini per arrivare alla terza tappa nella fortezza del Priamar, nel piazzale del Maschio, dove interverrà don Luigi Ciotti, fondatore del “Gruppo Abele” e di “Libera” insieme a monsignor Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea. Dal Priamar il percorso proseguirà in via Pietro Giuria e via Caboto per arrivare in Cattedrale, dove, intorno alle 21, sarà celebrata la Messa. Non potendo la Cattedrale ospitare tutti i convenuti, per le limitazioni previste dall’emergenza sanitaria, la Messa, che sarà anche trasmessa da Tv2000, potrà essere seguita dalla piazza antistante la Basilica e in altri luoghi tramite maxischermi. I partecipanti riceveranno in omaggio uno zainetto che conterrà un opuscolo con diversi testi di riflessione, la rivista di Pax Christi “Mosaico di pace”, materiale utile per la Marcia e una sorpresa “tipica” di Savona.

COME RAGGIUNGERE SAVONA

In treno

• A Savona fermano i treni provenienti dalle principali città italiane: Milano, Torino,
Venezia, Roma, Genova, Ventimiglia, Imperia, Firenze, Parma, Bologna. Dalla
stazione F.S. si può raggiungere a piedi in pochi minuti piazza Mameli, dove inizierà
la Marcia.

In aereo

L’aeroporto di Genova è lo scalo ideale per raggiungere Savona. Da qui, tramite un
collegamento autobus (o a piedi) è possibile raggiungere la stazione ferroviaria
cittadina e proseguire in treno per Savona.
Dall’ aeroporto di Albenga, è possibile prendere un autobus, che porta alla stazione
di Albenga e proseguire verso Savona in treno, da dove partono diversi treni
giornalieri, che in meno di un’ora arrivano a Savona.

In automobile

A6 Torino-Savona: uscita dal casello autostradale di Savona;
• A10 Ventimiglia- Savona “Autostrada dei Fiori”: uscita dal casello autostradale di Savona;
• A10 Genova-Savona: uscita dal casello autostradale di Savona o di Albisola.
Il casello autostradale di Savona dista circa 4 km da Piazza Mameli, centro della città.
• Strada Statale 1 – Aurelia: da/per Genova e da/per Ventimiglia;
• Strada Statale 29: da/per Cairo Montenotte – Piana Crixia – Spigno Monferrato –
Acqui Terme, attraverso il Colle del Cadibona;
• Strada Statale 28 bis e poi Strada Statale 20: da/per Torino ;
• Strada Statale 28: da/per Carcare-Ceva S.S. (va da Imperia a Genola);
• Strada Statale 564: da/per Mondovì e Cuneo;
• Strada Statale 30: da/per Alessandria (passando per Piana Crixia);
• Strada Statale 334: da/per Acqui Terme (passando per Sassello)

Per lasciare la macchina si consigliano i parcheggi di Via Piave e di Piazza del Popolo.

IL PROGETTO DI SOLIDARIETÀ

Al termine della Marcia si raccoglieranno offerte per il progetto diocesano “La Scuola che sogniAMO”.
È un progetto che parte dai bisogni dei minori e delle scuole del territorio in un momento di forte fragilità acuita dalla pandemia, che vede sempre più netto il divario fra minori di origine straniera e quelli italiani. I minori stranieri faticano a restare al passo con il resto della classe e la scuola non sempre riesce a colmare questo divario.
Per questo il progetto “La Scuola che sogniAMO” mette insieme le competenze e la passione di diverse realtà diocesane (Ufficio Missioni e Migrazioni, Caritas, Ufficio per la Pastorale Scolastica) per provare ad intervenire nel sostegno concreto alle scuole pubbliche e per aiutare l’integrazione nel tessuto sociale delle famiglie di origine straniera.
Per versare offerte si può anche utilizzare l’Iban IT59C0306910600100000111713
Intestato a DIOCESI DI SAVONA-NOLI MIGRANTES, causale Progetto “La Scuola che sogniAMO”

SINGOLI E GRUPPI

Per poter partecipare alla Marcia è necessario essere in possesso di Green Pass
Non è richiesta un’iscrizione ma, se si partecipa in gruppo e si arriva in pullman, è indispensabile comunicarlo al Comune di Savona almeno cinque giorni prima.
Per i pullman è prevista un’area di sosta vicino all’Ipercoop (via Vittime di Brescia) e se servisse anche nell’autoporto in darsena.