Mail

Rachel Corrie: dopo vent’anni l’impegno continua

DAI GENITORI DI RACHEL:

Vent’anni fa, il 16 marzo 2003, ci giunse la notizia che nostra figlia Rachel era stata uccisa a Gaza. Era stata investita da un bulldozer Caterpillar D9R, prodotto e finanziato dall’esercito israeliano e dagli Stati Uniti, mentre si trovava in piedi per impedire la demolizione della casa di una famiglia palestinese a Rafah. I membri della famiglia hanno visto il bulldozer avvicinarsi attraverso un buco nel muro del loro giardino.

Il viaggio della nostra famiglia senza Rachel, ma con il suo spirito grande nelle nostre vite, è iniziato quel giorno. Rachel ci ha portato con sé a Gaza e alla questione della Palestina. Era lì da circa sette settimane. Prima del suo viaggio in Medio Oriente, aveva scritto: “Perché voglio andare? Da poco più di un anno mi occupo di organizzazione a Olympia per le questioni legate alla guerra e alla giustizia globale e, a un certo punto, ho iniziato a pensare che a questo lavoro mancasse una solida connessione con le persone che sono più immediatamente colpite dalla politica estera degli Stati Uniti”.

Il filosofo inglese George Henry Lewes ha detto: “L’unica cura per il dolore è l’azione”. L’azione della nostra famiglia per Rachel, per la Palestina e per la pace con giustizia per palestinesi e israeliani è iniziata quel pomeriggio di vent’anni fa. All’epoca non conoscevamo personalmente nemmeno una persona che si identificasse come palestinese. Rachel ci ha aperto il mondo. Ci ha benedetto con una comunità globale.

Questo gennaio, un membro di quella comunità, il dottor Yasser Abu Jamei, direttore del Programma comunitario di salute mentale di Gaza, è venuto a Seattle, dove la nostra rete regionale di solidarietà con la Palestina si è riunita per uno dei nostri primi eventi di persona. Yasser si è poi recato a Washington DC dove ha condiviso le sue “richieste” ai membri del Congresso e del Dipartimento di Stato:

– Porre fine al blocco di Gaza.

– Garantire ai gazesi l’elettricità per più di 6-8 ore al giorno.

– Denunciare e lavorare per prevenire qualsiasi aggressione contro Gaza che potrebbe risultare durante le prossime festività religiose dal piano di polizia del Ministro della Sicurezza Nazionale israeliano, Ben-Gvir, per il Ramadan.

– Condizionare gli aiuti a Israele al rispetto dei diritti umani.

Possiamo ricordare Rachel e agire per rafforzare le richieste della dottoressa Yasser portandole ai nostri membri del Congresso.

Oggi abbiamo parlato con la gente di Gaza attraverso il video creato dal nostro amico Ahmed Abu Artema che lavora con Act for Gaza. Ahmed ci ha fatto sorridere quando ha raccontato di come sognava di incontrare i genitori di Rachel Corrie quando è arrivato negli Stati Uniti alcuni anni fa. I nostri colleghi dell’American Friends Service Committee hanno realizzato quel sogno ad Atlanta.

Questa settimana abbiamo sentito anche Kareem Nasrallah, che sta organizzando il torneo di calcio del Ramadan Rachel Corrie del 2023 a Gaza. Abbiamo conosciuto Kareem quando era un ragazzino, uno dei bambini all’interno della casa in cui Rachel è stata uccisa.

Yasser, Ahmed, Kareem. Ognuno di loro fa parte della nostra comunità globale, così come voi. In tanti hanno condiviso con noi questo viaggio ventennale e vi hanno contribuito in modi unici, creativi e solidali. Vi siamo molto grati per aver contribuito a sostenere l’impegno e l’azione richiesti da Rachel.

A Gaza, vent’anni fa, scriveva in un piccolo internet café fino alle prime ore del mattino per far arrivare le storie alla nostra famiglia, ai suoi amici e ai media internazionali. Ha scritto dei bambini: “Non potevo nemmeno credere che esistesse un posto come questo. Ma ancora di più: riuscite a credere che ci siano dei bambini qui? Dimenticate la paura. Me lo dicono di notte. Dimentica la paura. Mi vergogno di avere paura per il mio corpo e di morire nell’anonimato di una casa in uno dei luoghi più popolosi della terra, dove i bambini muoiono come martiri dell’occupazione, che paghiamo in silenzio senza mai conoscere i loro nomi. Abbiamo bisogno di più persone. Vi amo tutti. Rachel”.

E così, mentre ricordiamo e rivisitiamo le parole di Rachel, dopo vent’anni, il lavoro per tutti noi continua.

In solidarietà e con gratitudine,

Cindy e Craig Corrie

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)