Benedetto: …e la chiesa comincia ad assomigliare a quella del Concilio

Papa_Benedetto_XVI_a_Milano“Questo gesto fa assomigliare la Chiesa di oggi a quella sognata dal Concilio!” Con questa grande apertura di speranza il presidente di Pax Christi mons. Giovanni Giudici legge le dimissioni di papa Benedetto. “Si mette in evidenza l’ umile condivisione, da parte del Papa, della condizione comune degli uomini, e il coraggio umano di riconoscere che vi sono diverse stagioni nella vita di ogni persona; vi è il tempo dell’energia creativa, e il tempo della diminuzione delle forze”

UMILE CONDIVISIONE DELLA STORIA UMANA

Se la chiesa comincia ad assomigliare a quella sognata dal Concilio

A proposito delle dimissioni di Papa Benedetto XVI si ascoltano oggi molte riflessioni. Desidero dare il mio contributo al dibattito che si è aperto in proposito.  Si tratta di un gesto che fa parte della vocazione e del dono spirituale del successore di Pietro. Ha dunque tutta l’autenticità che noi riconosciamo per fede al magistero del Pontefice.

Ammiro questa decisione del Papa per vari motivi: vedo in essa il segno di una lettura credente della storia, che in questo caso rivela, tra i segni dei tempi, la constatazione della complessità del compito rispetto alle forze che la persona riconosce a sé stesso. Viene poi in evidenza l’ umile condivisione, da parte del Papa, della condizione comune degli uomini, e il coraggio umano di riconoscere che vi sono diverse stagioni nella vita di ogni persona; vi è il tempo dell’energia creativa, e il tempo della diminuzione delle forze.

Ogni stagione dell’uomo è luogo di incontro con Dio.
Mi appare la testimonianza di un credente che davvero si sente “umile operaio della vigna del Signore” e stando ai vertici della Chiesa, avverte la responsabilità di un servizio competente ed efficace al Popolo di Dio.

Il servizio alla comunità cristiana è impegno a cui dedicare tutto se stesso, nell’energia della giovinezza e della maturità, come nella preghiera e nella sofferenza.
Leggo nel gesto delle dimissioni del Papa la sua fiducia in Dio e nella Chiesa, e ne traggo la consolante persuasione che ciò che conta nella Chiesa, ben al di là delle persone, compresa la persona del Papa pro tempore, è lo Spirito del Signore che ci guida e ci sostiene.
Preghiamo e facciamo pregare per Benedetto XVI, per la vita della Chiesa che con questa scelta acquista maggiore somiglianza con la Chiesa del Vaticano II, perché pone in luce l’aspetto comunionale e la collegialità episcopale. E preghiamo perché noi tutti possiamo essere all’altezza della conversione che il gesto del Papa propone oggi a tutta la comunità cattolica.
Con l’augurio cordiale di un tempo quaresimale fecondo di frutti di penitenza,

+ Giovanni Giudici
Vescovo di Pavia
12 febbraio 2013

2 commenti

  1. Diego Trigilia Rispondi

    Bellissima riflessione che condivido in toto. Grazie

  2. antonio Rispondi

    l’interpretazione é affascinante ma presuppone un Papa che soffre di una solitudine inquietante. Dov’è la carita cristiana che dovrebbe accompagnare la missione di un gruppo di persone. le dimissioni del papa sono le nostre dimissioni: non abbiamo saputo aiutare questo anziano uomo di CRISTO. in questo momento tutti i cattolici sono dei dimissionari. l’incapacita del papa e` la nostra incapacita`. forse esagero ma il nostro comportamento non e’ COERENTEMENTE CRISTIANO PERCHÈ ABBIAMO LASCIATO SOLO UN UOMO CHE AVEVA BISOGNO DI AIUTO. CHE DIO ABBIA PIETÀ DI NOI ED IN PARTOLARE DEI PIÙ STRETTICOLLABORATORI DEL PAPA

Rispondi a Diego Trigilia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.