Mail

Catania saluta e ringrazia il Collettivo giovani

etna-fontane-di-lava-altissime

S. Cristoforo, la Pescheria, l’Etna in eruzione, il quartiere Purità, Massannunziata, il mare di Marina di Cottone, le campagne di agrumi e di ulivi. Luoghi riscoperti con tanti giovani provenienti da tutt’Italia, con Majed addirittura da Gaza; Chissà se è piaciuta veramente la nostra Catania, rivista con occhi nuovi, che chiedevano come mai, perché, a coloro che si impegnano in città per la legalità, l’antimafia, il recupero sociale dei migranti e degli emarginati in quartieri difficili, faccia a faccia con altri uomini, spesso connotati come distanti e distinti da noi, ma uomini. Memoria si, ma anche tanto presente. E poi momenti di spiritualità insieme e di fraternità a cena presso le famiglie per respirare odori e sapori del sud, scoprendo, affacciandosi alle finestre o girando lo sguardo mentre si era a tavola nei cortili, che il vulcano erompeva di lava e fuoco sopra le nostre teste, lasciando tutti a bocca aperta e con il naso all’insù ad ammirare lo spettacolo.

Al sud, al centro, al nord, quindi, non importa dove, siate giovani sino in fondo, con Pax Christi se potete, facendo rete o più semplicemente amicizia, quella vera, da qui al prossimo appuntamento del Collettivo. Il Punto pace di Catania vi ringrazia per la curiosità e la voglia di comprendere questa realtà – comunque viva con attese, rimpianti e speranze – , per i contatti che sarete in grado di alimentare e rafforzare. Da tempo si contava nella partecipazione dei giovani, nei territori, con il movimento; l’esperimento è riuscito, l’esperimento funziona, i risultati non mancheranno!