Pages Navigation Menu
Casa per la Pace Mosaico di Pace

Movimento Cattolico Internazionale per la Pace

Tutti si scandalizzano, ma nessuno ferma Israele

Comunicato di Pax Christi Italia
Tutti si scandalizzano, ma nessuno ferma Israele

s-messa-a-cremisan
Tutti ne scrivono, ma niente si muove. Quando le immagini delle ruspe e delle radici degli ulivi secolari del villaggio di Cremisan hanno cominciato a fare il giro del mondo, tutti hanno descritto la folle condizione dei proprietari di quelle terre, da anni aggrappati ad una sentenza della Corte israeliana che, dopo aver illuso di fermare l’assurda decisione di annessione di un’intera collina, ha lasciato il posto all’abbattimento di tutte le piante di ulivo.
E le foto le hanno viste tutti. Ma è finita lì.
Quando poi si è diffusa la scena dell’aggressione del soldato al parroco e quelle decisamente inusuali della Messa celebrata esattamente lì, con l’altare picchettato dai militari, visto che le famiglie vittime di questa violenza sono della parrocchia di Beit Jala, allora tutti hanno alzato il tono della disapprovazione. Ma niente ha fermato le ruspe né coloro che hanno preso e approvato quella decisione.
CREMISAN 3D’altra parte, niente di nuovo. Molte cose stanno accadendo nei Territori Palestinesi Occupati. Dagli attacchi dei coloni alle rappresaglie dei soldati nei villaggi palestinesi con numerose vittime civili, all’agenzia dell’ONU per i rifugiati del 1948 (UNRWA) rimasta senza più finanziamenti con 700 scuole che non potranno riaprire. Dalla mortalità infantile sempre più elevata a Gaza, alla Spianata delle Moschee minacciata dagli estremisti religiosi ebrei che intendono occuparla con il Terzo Tempio. L’espansione delle colonie illegali subisce una continua accelerazione. Tutti lo sanno, ma non fa più notizia.
Solo un particolare. Un piccolo vantaggio mediatico ha permesso alla notizia di Cremisan di restare un giorno in più sui giornali, semplicemente essendo questo villaggio nei dintorni di Betlemme e soprattutto perché la sensibilità dei media occidentali è rimasta turbata dalle immagini di preti e suore che si oppongono ai soldati, e preghiere e processioni sullo sfondo di blindati e scudi.
Noi di Pax Christi, che da anni coltiviamo amicizie fraterne con queste famiglie e veniamo ospitati con una premura indimenticabile nelle loro case, restiamo attoniti per questo crimine ripetuto e inascoltato che colpisce non solo i cristiani e non solo Betlemme. Certo, ancora una volta aggiungiamo la nostra denuncia alle mille che arrivano ai giornali e ripetiamo al Governo italiano: perché tacere e fingere di non vedere, come ha recentemente fatto il presidente del Consiglio Renzi? E come mai nessuno si scandalizza della nomina ad Ambasciatrice di Israele in Italia della signora Fiamma Nirenstein, che abita proprio in una di quelle colonie illegali che stanno devastando le terre attorno a Betlemme?
La foto di abuna Ahktam, indomito pastore che difende i diritti della sua gente, non la si vede più nel web, e forse anche questo comunicato è ormai… vecchio. Tutti ne hanno parlato, tutti ne hanno scritto e dato notizia, ma nessuno ha il coraggio di fermare Israele. untitled
C’e’ un solo popolo occupato senza distinzioni di religione, tutti sono palestinesi e tutti sono arabi.
Chiediamo in particolare alle comunità cristiane di accogliere il grido accorato del parroco che con la sua gente ci ha implorato: “Fate qualcosa, muovete la gente, fate conoscere quest’incubo. Riunite tutti coloro che cercano davvero la pace. Non possiamo lasciarli continuare così!”

Firenze, 25 agosto 2015
Pax Christi Italia

Contatti:
Segreteria Nazionale di Pax Christi: 055-2020375 info@paxchristi.it
Coordinatore Naz. di Pax Christi: d. Renato Sacco: 348-3035658 drenato@tin.it
Campagna Ponti e non Muri, Betta Tusset: 347-7929787 bettatus@gmail.com

PS: Pax Christi International ha celebrato proprio a Betlemme lo scorso mese di maggio, la sua Assemblea Mondiale, denunciando con forza la colonizzazione della terra palestinese ed esprimendo solidarietà a tutti coloro che resistono con la nonviolenza ai soprusi quotidiani dell’esercito di occupazione.
Chiediamo anche a te di inviare questo comunicato all’Ambasciata di Israele a Roma:
Ambasciata d’Israele in Italia, Via Michele Mercati, 14 – 00197 ROMA
Tel 06-36198500 Fax: 06-36198555 – Email: ambassador_assistent1@roma.mfa.gov.il

invio tramite il sito dell’ambasciata a questo link: http://embassies.gov.il/rome/AboutTheEmbassy/Pages/contact-us.aspx
Proponiamo inoltre di inviare, utilizzando la modalità che preferite, lo stesso comunicato anche al governo italiano:
Presidenza del Consiglio dei ministri

Palazzo Chigi
Piazza Colonna 370
00187 RomaCentralino 06 – 6779-
Email: segrcd@governo.it

7 Commenti

  1. Si. Serve una forza internazionale di pace che difenda la Palestina. Soldati per la pace

  2. Nemmeno il rabbino capo di Roma alza una mano per fermare la soldatesca

  3. E’ ora che israele si comporti da stato ” democratico” come “dice” di essere!!!!!!!!!!

  4. Si, Tutti si scandalizzano, ma nessuno ferma Israele perché tutti hanno paura di Israele.

    Il mondo é terrorizzato da Israele.

  5. Vogliate accogliere questo appello di umanità

  6. Ambasciata d’Israele in Italia, Via Michele Mercati, 14 – 00197 ROMA

    Mi unisco a questo appello,augurandomi che dimostrate la vostra umanità.

    Grazie, Clara De Luca

  7. ALL’AMBASCIATA DI ISRAELE IN ITALIA
    Via Michele Mercati,14
    00197 ROMA

    Con la presente do il mio contributo inviandovi il seguente Comunicato.
    Mi auguro che vogliate dare un vostro impegno per questo appello umano.
    Grazie per la vostra umanità

    Clara De Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.