Pages Navigation Menu
Casa per la Pace Mosaico di Pace

Movimento Cattolico Internazionale per la Pace

A Gaza

Amiche e amici tutti di Pax Christi Italia,

come sapete mi appresto, lunedì mattina, 2 marzo p.v., alle ore 11,00, con partenza da Fiumicino, a recarmi nella Striscia di Gaza unendomi, a nome di Pax Christi, all’Associazione Vento di Terra per una visita ad un territorio e alla comunità palestinese ivi residente di solidarietà e di speranza.

La solidarietà per le tante sofferenze, difficoltà e povertà che quelle comunità, da anni ormai, tra l’altro nell’undicesimo anniversario della costruzione del muro, sono costrette a subire anche a motivo dell’ impossibilità di pensare ad una ricostruzione nonostante le voci che si levano in Europa per aprire nella Striscia i corridoi umanitari.

La mia visita vuole essere un gesto ed un segno, come scritto nel comunicato del 26 febbraio, a firma di don Renato Sacco, coordinatore di Pax Christi, per una Quaresima che ci liberi dalla assuefazione alla ‘globalizzazione dell’indifferenza’.

 

Avrei voluto partire portando la ‘buona’ notizia del riconoscimento dello Stato Palestinese da parte del Parlamento Italiano, ma la delusione è forte, avendo appreso del ‘pasticcio’ delle due mozioni approvate dal Governo italiano, pur essendo in contrasto tra di loro.

 

Che delusione!

 

Il Parlamento Italiano deve riconoscere la Palestina come stato che ha diritto di vivere in autodeterminazione e con confini sicuri, così come avviene da 67 anni per Israele.

Porre condizioni ai Palestinesi, o parlare di ‘promuovere’ il riconoscimento, rimandano soltanto il problema e non approdano a nulla.

Nonostante questa delusione il cammino della pace e della riconciliazione, dopo averlo affidato al Signore, deve continuare ad alimentare il nostro impegno di pace e di riconciliazione.

 

Chiedo a tutti voi la vicinanza della preghiera e la vostra compagnìa ideale e spirituale in questo viaggio.

 

Altamura, 28. 02. 2015

 

 

 

+  Giovanni Ricchiuti

Presidente di Pax Christi

ricchiuti                               

Contatti:

Segreteria Nazionale di Pax Christi:   055/2020375   info@paxchristi.it

Coordinatore Nazionale di Pax Christi: d. Renato Sacco   348/3035658   
drenato@tin.it

Un commento

  1. Carissimo Don Giovanni e Amici dell’Associazione Terra di Vento

    Grazie Grazie Grazie con Parole profetiche:

    don Tonino Bello (diario da Sarajevo)

    Poi rimango solo
    e sento per la prima volta una grande voglia di piangere.
    Tenerezza, rimorso
    e percezione del poco che si è potuto seminare
    e della lunga strada che rimane da compiere.

    Attecchirà davvero la semente della nonviolenza?
    Sarà davvero questa la strategia di domani?
    E’ possibile cambiare il mondo
    col gesto semplice dei disarmati?

    E’ davvero possibile che,
    quando le istituzioni non si muovono,
    il popolo si possa organizzare per conto suo
    e collocare spine nel fianco a chi gestisce il potere?
    Fino a quando questa cultura della nonviolenza
    rimarrà subalterna?

    Questa impresa contribuirà davvero
    a produrre inversioni di marcia?
    Perchè i mezzi di comunicazione
    che hanno invaso la Somalia
    a servizio di scenografie di morte,
    hanno pressochè taciuto
    su questa incredibile scenografia di pace?

    Ma in questa guerra allucinante
    chi ha veramente torto e chi ha ragione?
    E quale è il tasso delle nostre colpe
    di esportatori di armi
    in questa delirante barbarie
    che si consuma sul popolo della Bosnia?

    Sono troppo stanco per rispondere stasera.
    Per ora mi lascio cullare da una incontenibile speranza:
    le cose cambieranno, se i poveri lo vogliono.

    don Tonino Bello
    (dal Diario della marcia di Sarajevo, dicembre 1992)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.