Nigeria, Boko Haram rapisce cento studentesse

cartina della Nigeria

cartina della Nigeria

Si moltiplicano gli attacchi degli islamisti che negli ultimi giorni hanno fatto decine di vittime nelle zone settentrionali e nella capitale, dove lunedì due bombe hanno ucciso almeno 70 persone. Sono oltre 1.500 le vittime delle violenze dall’inizio dell’anno.

Sono giorni di fibrillazione in Nigeria per l’intensificazione degli attacchi ad opera del movimento islamista Boko Haram. Lunedì scorso i miliziani hanno fatto irruzione in una scuola superiore femminile dello Stato settentrionale del Borno e hanno rapito almeno cento ragazze.

Un attacco senza precedenti che ha seguito di poche ore il duplice attentato dinamitardo alla stazione dei bus di Nyanya Motor Park, vicino ad Abuja: oltre 70 morti e 120 feriti. Erano due anni che il gruppo non colpiva la capitale nigeriana, che dal 7 al 9 maggio ospiterà la conferenza del Forum economico mondiale sull’Africa. La settimana scorsa, invece, le vittime delle violenze nel Borno erano state oltre 130 in diversi attacchi messi a segno da questa milizia che dal 2009 conduce una “guerra santa” per imporre la sharia nella sua versione più fanatica, contro ogni forma di cultura occidentale. Boko Haram significa “l’educazione occidentale è vietata”.

Le truppe governative stanno cercando le ragazze rapite in tutto il Borno, uno dei tre Stati nord-orientali più colpiti dalle azioni degli islamisti assieme all’Adamawa e al Yobe. Lo stato di emergenza è in vigore da un anno e il governo ha inviato al Nord migliaia di soldati, ma Boko Haram non sembra indebolito. Gli attacchi ai villaggi, alle chiese, alle moschee, ai mercati e pure ad obiettivi militari come caserme e prigioni si sono moltiplicati e dall’inizio dell’anno almeno 1.500 persone sono morte nelle violenze, la metà tra la popolazione civile. Il movimento islamista è anche sospettato del rapimento di due sacerdoti italiani e di una suora canadese nel vicino Camerun.

La Nigeria è un gigante con i piedi d’argilla. È il maggiore produttore di greggio del continente africano, ma anche uno dei Paesi con un tasso di povertà tra i più alti al mondo, segnato dalla mancanza di uno sviluppo economico slegato dal petrolio e da una perdurante situazione di insicurezza soprattutto nelle zone nord-orientali dove vive la popolazione più povera. L’ineguaglianza sociale, la corruzione diffusa nell’amministrazione pubblica, le rivalità etniche-religiose tra il Nord musulmano e il Sud cristiano, le violenze commesse anche dalle forze di sicurezza sono un terreno fertile per il proliferare di gruppi armati di stampo jihadista come Boko Haram, finito nella lista delle organizzazioni terroristiche stilata dagli Stati Uniti e sospettato di avere legami con al Qaeda.

Roma, 16 aprile 2014, Nena News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.