Convocazione ecumenica sulla pace a Kingston

Kingston, Giamaica

Roma (NEV), 11 maggio 2011 – E’ ormai imminente l’apertura della Convocazione ecumenica internazionale sulla pace convocata a Kingston (Giamaica) su iniziativa del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) dal 17 al 25 maggio. La Convocazione rappresenta l’appuntamento conclusivo e cardine del Decennio per sconfiggere la violenza lanciato dal CEC nel 2001. La sua preparazione ha coinvolto le comunità religiose di tutti i continenti per più di un anno. Sono attesi circa un migliaio di delegati e osservatori da ogni parte del mondo, provenienti da chiese ma anche da associazioni per la nonviolenza, facendo della Convocazione il più grande raduno ecumenico sulla pace mai organizzato. L’incontro di Kingston prevede studi biblici, laboratori e sedute plenarie delineate su quattro tematiche principali: pace nella società, pace con la terra, pace nell’economia e pace tra i popoli. L’unitarietà dei temi viene ricordata dal patriarca ortodosso Bartolomeo I in un’enciclica, appositamente promulgata per commentare la Convocazione, in cui dice che “la giustizia e la pace sono temi centrali nelle Scritture e la pace si fa strada, da principio e alla fine, nel cuore”, aggiungendo inoltre che “questa pace interiore deve essere manifesta in ogni aspetto della nostra vita e del nostro mondo”. Dall’Italia è confermata la partecipazione, in qualità di delegata, della pastora Letizia Tomassone, vice presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) ed è prevista anche la partecipazione di alcuni rappresentanti di associazioni cattoliche, tra cui Pax Christi e Cipax. (mil)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.