Mail

Un’Arena di volti, un popolo in cammino

L’incontro areniano del 25 aprile 2014 porta con sè il vivo ri-cordo (il richiamo al cuore) di tante persone amiche della nonviolenza in qualche modo collegate all’esperienza veronese degli anni ’80 e ’90, alcune delle quali ci hanno lasciato, volti indimenticabili del popolo della pace, tra noi “diversamente viventi”: Lorenzo Bellomi, Natale Scolaro, Giuseppe Zambon, Enzo Bertolaso, Filippo De Girolamo, Aldo Pettenella, Federico Bozzini, Lucio Regaiolo, Giorgio Avanzi, Silvio Tubini, Enzo Melegari, Massimo Benedetti, Giovanni Martari, Cecilia Dal Cero, Carlo Furlan, Gianni Zanini, Gabriele Zanetti, Paola Rossi, Silvana Pozzerle, Giorgio Acquistapace, Vittorio Arrigoni, Tom Benetollo, Massimo Paolicelli, Alexander Langer, Giulio Girardi, Italo Mancini, Enrico Chiavacci, David Maria Turoldo, Ernesto Balducci, Carlo Maria Martini, Giulio Battistella, Tonino Bello…
Volti a noi sempre ri-volti.
Tra i tanti mi sembra giusto fermarmi su Giulio Battistella, uno dei fondatori degli incontri areniani all’interno dell’appello “Beati i costruttori di pace”, missionario in Argentina e a Cuba, pioniere della Rete degli stili di vita, molto vicino a Tonino Bello, vescovo di Molfetta, presidente di Pax Christi. Nel presentare il suo libro su “Nuovi stili di vita” (1995), Giulio ricorda la speranza di don Tonino intrecciata al sogno di Isaia. Con lui si era recato a Sarajevo nel dicembre 1992. Condivideva intimamente le domande brucianti di don Tonino scritte al ritorno dalla Bosnia: “attecchirà davvero la semente della nonviolenza? Sarà davvero questa la strategia di domani? E’ possibile cambiare il mondo col gesto semplice dei disarmati?”.
Le domande di don Tonino mi scavano dentro. La sua presenza di maestro e profeta mi accompagna ogni giorno. Indica la necessità di un nuovo inizio per i movimenti, la politica, l’economia, la pedagogia e la fede cristiana. Riscoprire l’attualità del suo pensiero significa tenere acceso il fuoco della profezia. Così nel 1986 don Tonino: «E’ malinconico osservare oggi (se si eccettuano le audaci sortite del Papa, di qualche episcopato e di pochi gruppi) i tentennamenti delle nostre Chiese. Quello della pace sembra un campo minato da mille prudenze, recintato dal filo spinato di infinite circospezioni, protetto da pavidi silenzi… Viviamo ambigue neutralità, che tutto possono essere meno che disarmate. Ma se taciamo noi, eredi della profezia di pace del Cristo, chi si assumerà il compito di dire alla terra che, scivolando sui binari che ha imboccato, corre inesorabilmente verso l’olocausto? Coraggio miei cari fratelli profeti! Diciamo che ogni guerra è iniqua. Promuoviamo una cultura di pace che attraversi tutta la nostra prassi pastorale. Denunciamo a chiare lettere l’ingiustizia della corsa alle armi». Dovremmo essere più audaci: «Il Signore ci ha messo sulla bocca parole roventi: ma noi spesso le annacquiamo col nostro buon senso. Ci ha costituiti sentinelle del mattino, annunciatori, cioè, dei cieli nuovi e delle terre nuove che irrompono, e invece annunciamo cose scontate, che non danno brividi, che non provocano rinnovamento». Nel cuore di molti risuona ancora l’invito appassionato rivolto ai partecipanti dell’Arena nell’aprile 1989: quello di scattare “in piedi”, beati perché in cammino, pronti a promuovere itinerari umani necessari come l’aria, l’acqua e il pane.
Per Giancarlo Bregantini, vescovo di Campobasso e presidente della Commissione episcopale pace, giustizia, lavoro e creato, l’incontro veronese “sarà un grande dono per la città e per la chiesa italiana tutta…Ne avevamo bisogno. Perché in questo grave tempo di crisi, che coinvolge tutti, che rischia di travolgerci e non solo di coinvolgerci, può addirittura sembrare ‘ozioso’ manifestare per la pace. Quasi avessimo problemi più grandi da affrontare…e solo dopo, se c’è tempo, ci sarà spazio per le manifestazioni per la pace! Ed invece, credo che sia il contrario. Perchè la pace resta la grande sfida dell’umanità. Ed impegnarsi per essa vuol dire costruire un mondo di vera fraternità. Infatti, i pellegrini della pace di Verona porteranno con sè nel loro zaino, i passi di fraternità realizzati e condivisi dalle migliaia di manifestanti nella marcia della pace di fine annche si è svolta a Campobasso”. Proprio a Campobasso abbiamo realizzato il nostro convegno “Signore, insegnaci a lottare” meditando sulle direzioni indicate dal papa col messaggio del 1 gennaio (“fraternità, fondamento e via per la pace”): prendersi cura gli uni degli altri, sconfiggere la povertà, modificare modelli di sviluppo e stili di vita, spegnere la guerra, avversare corruzione e crimine organizzato, custodire la natura. Il popolo della pace continua a camminare verso un nuovo inizio.

Sergio Paronetto (vicepresidente di Pax Christi Italia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.