Pages Navigation Menu
Casa per la Pace Mosaico di Pace

Movimento Cattolico Internazionale per la Pace

Sudan, è rivolta contro il carovita

cartina del Sudan

cartina del Sudan

Khartoum a ferro e fuoco nella morsa degli scontri tra la polizia e i manifestanti che protestano contro il taglio ai sussidi al carburante deciso dal governo sudanese lunedì scorso. Tagli delle sovvenzioni che, come altre misure di austerità varate recentemente, hanno provocato un’impennata dei prezzi del petrolio e rischiano di aumentare l’inflazione.

Ieri, gas lacrimogeni sono stati sparati contro i dimostranti dopo che un edificio universitario e diversi distributori di benzina erano stati dati alle fiamme. Bloccata la strada principale che conduce all’aeroporto, nei pressi del lussuoso hotel Rotana. Mentre centinaia di agenti in borghese armati di pistola e manganello si sono riversati per le strade e appollaiati sui palazzi governativi.

La capitale del Sudan si è così trasformata in un campo di battaglia isolata dal resto del mondo dopo che anche l’accesso a internet è saltato molto probabilmente bloccato per impedire ai manifestanti di coordinarsi attraverso i social media. Due i morti secondo le testimonianze raccolte dall’agenzia Reuters e 20 i manifestanti trattenuti dalla polizia.

Dal sud di Karthoum in pochi giorni le proteste si sono diffuse nelle principali città sudanesi con slogan che urlano a un cambio di regime e che rischiano ora di infiammare l’intero Sudan. Mentre da un lato le autorità di governo le condannano bollandole come atti di sabotaggio e il presidente Omar Al-Bashir difende le misure varate per abolire le sovvenzioni come l’unica alternativa contro il collasso economico del Paese.

di Rita Plantera

Roma, 26 settembre 2013, Nena News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *