Mail

P. Dall’Oglio – Gesuita italiano rapito in Siria

La sera di lunedì 29 luglio scorso l’agenzia di stampa Reuters ha diffuso la notizia che p. Paolo Dall’Oglio, Gesuita, da 30 anni in Siria, sarebbe stato rapito da un gruppo di miliziani legati ad al-Qaeda: ‘Stato Islamico dell’Iraq e del Levante’. La notizia però non è stata confermata né smentita dal Vaticano e dalla Farnesina. Ricordiamo che p. Paolo aveva partecipato alla marcia per la pace a Lecce, lo scorso 31 dicembre, partecipando con la sua nota passione alla tavola rotonda.

La situazione in Siria è sempre più tragica. Riportiamo qualche brano dell’intervista a Mons. Zenari, Nunzio apostolico in Siria rilasciata a Radio Vaticana il 30 luglio.

            Padre Dall’Oglio ha avuto dei grandi meriti nel promuovere il dialogo islamo-cristiano, ha avuto questa bella intuizione di fondare la comunità monastica di Mar Musa, un centro che attraeva dai quattro punti cardinali diverse persone, soprattutto giovani. Ama veramente la Siria e – naturalmente – con un suo taglio personale. Soprattutto in questi ultimi anni, per quanto riguarda la situazione politica in Siria, aveva delle posizioni personali che non tutti condividevano, ma quello che posso dire è che è veramente un uomo di valore, un monaco, un gesuita di grandi capacità e, lo ripeto, una persona che ama la Siria…

Direi che ogni giorno che passa questo conflitto è come una matassa che si ingarbuglia sempre di più. Tornando a questo fatto, a questo presunto sequestro, direi che è triste, continua questa “via crucis” dei sequestri. Ecco, vorrei ricordare ancora il rapimento di due vescovi ortodossi avvenuto circa tre mesi fa, quello di due sacerdoti – uno cattolico e uno ortodosso – e delle centinaia e centinaia di sequestri, soprattutto di persone siriane ma anche di stranieri, alcuni a scopo politico altri a scopo di estorsione. È una piaga molto, molto dolorosa, che ferisce profondamente la nazione e la popolazione siriana…

Ogni mese, in media, questo conflitto provoca circa cinquemila vittime. Ogni giorno, in media, circa seimila persone sono costrette ad abbandonare la Siria, senza parlare poi della mancanza di lavoro, e quindi delle difficoltà a mantenere le famiglie, i prezzi che salgono alle stelle… E ripeto, come ho detto altre volte, qui si tocca con mano come una guerra – soprattutto una guerra civile – oltre a portare morte e distruzione, diventa veramente una fabbrica di innumerevoli miserie.”

Continuiamo a rimanere in contatto con diverse persone che conosciamo, anche in Iraq, dove si è da poco insediata la sua comunità, espulsa dalla Siria.

Queste ore apprensione per p. Paolo (che speriamo possa presto tornare a darci sue notizie) ci obbligano a non dimenticare la tragedia della Siria.

Ricordiamo l’appello di Pax Christi Italia: “Siria, è l’ora di una svolta politica nonviolenta” pubblicato su sito   http://www.paxchristi.it/?p=7451.

 

31 luglio 2013   – d. Renato Sacco, coordinatore nazionale Pax Christi

img1024-700_dettaglio2_Paolo_DallOglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.