Pages Navigation Menu
Casa per la Pace Mosaico di Pace

Movimento Cattolico Internazionale per la Pace

Appello da Ramallah (Cisgiordania) di Mustafa Barghouti: salviamo i prigionieri in sciopero della fame

cartina della Palestina

cartina della Palestina


Il deputato palestinese Mustafa Barghouti stamani ha lanciato un appello urgente affinchè vengano salvati tre prigionieri politici – Samer Issawi, Tarq Qaadan e Jaafar Azzidin – che attuano da molte settimane uno sciopero della fame molto rigido e sono in condizioni di salute critiche in carcere in Israele.

Il più grave è Samer Issawi che digiuna da oltre 200 giorni. Tutti e tre si battono contro la «detenzione amministrativa», ossia il carcere senza processo ed accuse precise.

«Occorre fare presto per fermare questa tragedia – ha detto Barghouti, leader del partito progressista Mubadara – e l’unico modo possibile è che la comunità internazionale si assuma le sue responsabilità e faccia le necessarie pressioni su Israele».

Ieri era stato il Rapporteur per i diritti umani dell’Onu, Richard Falk, a chiedere la liberazione immediata di Issawi, Qaadan and Azzidine. «E’ una detenzione disumana quella che stanno subendo…Se Israele non è in grado di portare prove di una loro colpevolezza, allora devono essere scarcerati subito».

Contro la detenzione amministrativa si è espresso anche il coordinatore degli affari umanitari dell’Onu James W. Rawley che ieri ha incontrato il ministro palestinese per i prigionieri politici Issa Qaraqe.

Ramallah (Cisgiordania), 14 febbraio 2013, Nena News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.