Mineo

Si è da poche ore concluso il presidio di fronte al villaggio della “solidarietà” a Mineo indetto dai sindaci del calatino; i partecipanti erano circa 500 e la presenza degli antirazzisti è stata determinante nel fare naufragare l’irresponsabile tentativo di criminalizzare gli immigrati “irregolari” provenienti dalla Tunisia.

Il grosso dei tunisini ha esercitato il giusto diritto alla fuga per non obbedire alle leggi razziste, ma la devastante propaganda xenofoba ha fatto arretrare di molto il confronto con la comunità di Mineo, iniziato con il seminario tenutosi a Mineo “Accoglienza, la parola a chi la fa” il 19/3 scorso. Durante il seminario il sindaco di Riace (RC) Domenico Lucano ha dimostrato che spendendo meno della metà di quanto costa detenere un migrante al villaggio della “solidarietà”, si possono costruire buone pratiche d’accoglienza nei piccoli centri con positive ricadute economiche nelle comunità ospitanti, addirittura i figli dei richiedenti asilo hanno garantito la riapertura della scuola elementare.

A Mineo la vergognosa operazione di segregazione in un mega “Cara”, deportando oltre 1000 richiedenti asilo da percorsi d’inserimento da numerosi altri Cara in varie parti d’Italia, procede incurante dell’opposizione degli enti locali del calatino. Il fantomatico piano per accogliere l”esodo biblico” è naufragato di fronte all’arrivo di circa 15000 migranti dalla Tunisia nelle ultime settimane; addirittura si rende invivibile la situazione a Lampedusa per aizzare gli isolani contro i migranti (vergognosa la “crisi idrica” esplosa, quando durante l’estate con 20000/30000 turisti, con un consumo idrico ben maggiore, l’acqua non manca mai).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.