Mail

Dal Punto Pace di Bologna

Incontro con Jeremy Milgrom –  7 gennaio 2013 Bologna

 

Ha iniziato con un insegnamento rabbinico prendendo dalla Bibbia alcuni versetti dell’Esodo, menzionate le differenze quantitative con quello che aveva fatto nei gg precedenti come rabbino: nello shabbat letti e commentati 6 capitoli dell’Esodo e domenica 6 versetti di Isaia.

Ha riferito che domenica era stato presente a due cerimonie liturgiche cristiane (la messa e presso la comunità monastica di Monte Sole).

Parlando di Mosè ha detto che è stato 40 a nel deserto facendo il pastore, poi ha visto un cespuglio in fiamme e ha udito una voce che da lì proveniva – ecco l’inizio del suo popolo – un midrash dice che Dio ha scelto Mosè perché curava il suo gregge, mentre noi sappiamo che era un violento. Per conoscere il suo pensiero su questo: http://rhr.org.il/eng/index.php/author/jeremymilgrom/

Geloso di Pax Christi perché hanno come modello Gesù nonviolento

Nel xx sec il sionismo mentre 100 a fa c’era un vero dialogo ebrei – cristiani

In Israele vengono italiani perlopiù come pellegrini ma ci sono anche attivisti per la pace – coraggiosi. Nei loro confronti c’è animosità e sospetti: io non ne ho, ma anche i rabbini sono sorpresi da questi attivisti.

La società in Israele è molto complessa. Tra 2 sett elezioni, nessun ottimismo, ci si aspetta un peggioramento. La buona notizia è che in Europa sta aumentando l’approccio onesto alla situazione

La parrocchia è una realtà dove le attività hanno una dimensione di santità (cuore e efede) non è politica ma religione – confronto con il sionismo

La mia biografia: nato in USA, a casa parlavo ebraico, a 15 a venuto in Israele – parlo inglese americano da 44 anni – ho provato vergogna e imbarazzo per le vicende razziste del 1968 e la guerra in Vietnam e poi in tutte le guerre ingiuste

Israele ha alcune caratteristiche comuni agli USA: l’esercito cerca soluzioni violente, le minoranze sono oppresse – entrambe un colossale fallimento

La cecità del sionismo pur con sfumature diverse – il dogma della terra

Israele è uno stato ebraico quindi discrimina, viola la democrazia e i diritti umani: vogliono cacciare via i non ebrei.

Io da 20 anni ho iniziato a visitare i beduini: a 15 min da casa mia, facile trovarli.

I beduini sono emarginati, discriminati – gli israeliani dicono che è per protezione della popolazione ebraica.

La sfida è che possiamo vivere insieme. In realtà ora Israele ha fatto della Palestine un bantustan dove ci sono solo città palestinesi. Si ipotizzano due stati, ma io penso anche ad un solo stato dove ebrei e palestinesi vivano in partnership. Ipotesi anche questa lontanissima dalla realtà.

Alcuni sostengono che i palestinesi specie i giovani molto feriti dai coloni saranno violenti e oppone disperazione, odio, mentre io penso a speranza, rispetto e qualche forma di controllo per tutti.

 

17 a fa avevo iniziato lo studio dell’arabo con insegnante di Betlemme. Andavo da lui in auto e nell’esperienza ho imparato molte cose – rapportandomi con lui e la popolazione palestinese.

Con i palestinesi abbiamo molto in comune e molte differenze, ma possiamo incontrarci e cercare modi per vivere insieme.

 

In Israele non è facile vivere, si sopravvive. Vengo volentieri in Italia in atmosfera non ebrea, importante per me per sostenere la mia pazienza, per ricevere forza e alimentare la speranza.

 

Rispondendo alle domande:

– sui giovani: sono diversi – alcuni escono dal paese e non tornano – non tutti sono nell’esercito: ¾ degli uomini e 50% delle donne – solo 2/3 finisce la ferma di 3 anni.

Racconmta le’pisodiuo dell’occupazione pacifica di 1° e mezzo fa sulle alture del Golan quando migliaia di giovani palestinesi hanno invaso e l’esercito (fatto di giovani israeliani non ha sparato se non uccidendo 20-30 e ferendone molti): poteva invece essere una strage. Una minoranza ancora di attivisti in Israele, ma ci sono.

 

– Giudaismo senza sionismo / semitismo – ha chiarito i termini – la sfida tra semitismo e sionismo – lo stato di Israele vuole mantenere la maggioranza numerica anche i liberali, nessun rispetto per i ricongiungimenti familiari – questo è molto grave

 

– sulla possibilità di una campagna internazionale per far accelerare la stesura di una costituzione in Israele: una proposta/idea

 

– su BDS – un’azione forte che crea problemi a Israele che fa cose non accettabili

 

Su questi punti è necessario risvegliare Israele