Mail

Myanmar: appello di Pax Christi International

SIGNIS, l’Associazione cattolica mondiale per la comunicazione, ascolta il grido del coraggioso popolo birmano che resiste in modo non violento al colpo di stato militare del Myanmar che ribalta un’elezione legittima e democratica. 

Siamo raggiunti da Pax Christi International e dai suoi membri nella regione Asia-Pacifico che nella loro  dichiarazione di febbraio sullo “Stato di emergenza” in Myanmar hanno già espresso gravi preoccupazioni per la situazione nel Paese. Allo stesso modo, il movimento internazionale dei Focolari si unisce a noi in solidarietà con il popolo birmano.

Ogni giorno persone coraggiose tornano in piazza per protestare pacificamente anche mentre i soldati le picchiano e le sparano, tra cui molti giovani. Come simbolo della loro protesta, conforme all’usanza birmana, un segno della giusta rabbia del popolo verso i militari può essere sentito nel fragore di pentole e padelle sbattute insieme per proteggersi dagli spiriti maligni,

Assistiamo alla detenzione arbitraria per accuse inventate di membri del governo democraticamente eletto, nonché di leader civili e religiosi che hanno preso parte alla lunga lotta per la democrazia.

Poiché l’informazione veritiera è importante in una democrazia, rifiutiamo la campagna di disinformazione dei militari birmani che giustifica le loro azioni. Chiediamo la protezione dei giornalisti arrestati e molestati per aver condiviso con il resto del mondo notizie e informazioni su quanto sta accadendo sul campo; dovrebbero invece godere della libertà di stampa.

Deploriamo l’estremo autoritarismo che ha ritenuto opportuno calpestare la costituzione della nazione, che di fatto ha permesso una democrazia limitata pur mantenendo gran parte del potere delle forze armate. Nonostante le sfide, il Myanmar stava muovendo i primi passi verso la democrazia, dando alla gente speranza per un nuovo futuro. Questa speranza dovrebbe essere ripristinata.

Soprattutto, ascoltiamo il messaggio del popolo del Myanmar: questo colpo di stato riguarda essenzialmente il rovesciamento di loro, la loro volontà. In ultima analisi, non si tratta di rimuovere gli oppositori politici o il presunto ordine pubblico. Annulla anni di paziente lavoro per i diritti fondamentali dei cittadini e schiaccia i tenui sogni di un paese libero e democratico. 

Come organizzazioni cattoliche, ci uniamo a Papa Francesco e ai leader civili e religiosi di tutto il mondo che hanno condannato il colpo di stato e chiedono un “dialogo significativo” per ripristinare la democrazia. Inoltre, ci uniamo ad altre organizzazioni nel chiedere:

  • il rilascio di Aung San Suu Kyi e di altri funzionari e leader detenuti;
  • i militari a smettere di usare la violenza e la detenzione arbitraria di manifestanti pacifici e giornalisti;
  • giustizia e responsabilità per le atrocità commesse dall’esercito contro il popolo Rohingya e altre minoranze etniche, nonché la prevenzione di tali crimini e abusi in futuro;
  • membri della comunità internazionale, specialmente nella regione Asia-Pacifico, per fare pressione sul regime affinché si dimetta e ristabilisca la democrazia, e non per sfruttare la situazione per i propri interessi geopolitici.

Chiediamo ai membri di SIGNIS, Pax Christi International e Focolare di tutto il mondo di dare voce al grido del popolo birmano contattando i media locali e nazionali per segnalare la situazione e sollecitando i loro governi a intraprendere forti azioni diplomatiche per opporsi al colpo di stato e riportare la democrazia in Myanmar.

La nostra missione come organizzazioni è promuovere la pace. Siamo quindi con l’arcivescovo di Yangoon, il cardinale Charles Maung Bo, presidente delle Conferenze episcopali asiatiche, quando afferma: “La pace è possibile. La pace è l’unico modo. La democrazia è l’unica luce su quel percorso “.

Condividiamo inoltre un’ intervista a RadioinBlu di questa mattina del nostro coordinatore don Renato Sacco nella quale si fa particolare riferimento alle nostre responsabilità, partendo dalle munizioni prodotte in Italia e trovate a Myanmar fino ad arrivare a tutte le armi che l’Italia e l’occidente vendono in ogni zona di guerra…

Potete ascoltare l’audio a questo link https://www.radioinblu.it/streaming/?vid=0_9hhtuxo7  (l’intervista di don Renato è nella seconda metà, negli ultimi 13 minuti)