Mail

L’industria della guerra è la più grande struttura di ingiustizia e di peccato!

Porre fine alle ingiustizie e alle armi col sogno di Isaia e del Vangelo

Il 5 febbraio scorso papa Francesco, parlando ai partecipanti al seminario”Nuove forme di solidarietà” organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze sociali, descrive il dramma della povertà e della fame, utilizzando espressioni inaudite per potenza critica verso l’industria della guerra. Ancora una volta le sue parole siano cadute nel voluto e interessato silenzio della politica e del mondo ecclesiastico. Si spera che il prossimo incontro di Bari per la pace nel Mediterraneo riesca a offrire parole decise e chiare. Segue una sintesi dell’intervento (s.p.)

…Approfittiamo di questo nuovo inizio dell’anno per costruire ponti, ponti che favoriscono lo sviluppo di un aspetto solidale da parte di banche, finanze, governi e decisioni economiche. Abbiamo bisogno di molte voci in grado di pensare, da una prospettiva poliedrica, le diverse dimensioni di un problema globale che colpisce i nostri popoli e le nostre democrazie.  Vorrei iniziare con un dato di fatto. Il mondo è ricco eppure i poveri crescono intorno a noi. Secondo i rapporti ufficiali, il reddito globale di quest’anno sarà di quasi $ 12.000 pro capite. Tuttavia, centinaia di milioni di persone sono ancora impantanate in condizioni di estrema povertà e mancano di cibo, alloggio, cure mediche, scuole, elettricità, acqua potabile e servizi sanitari adeguati ed essenziali. Si stima che quest’anno circa cinque milioni di bambini sotto i 5 anni moriranno di povertà. Altri 260 milioni di bambini non avranno istruzione a causa della mancanza di risorse, a causa di guerre e migrazioni. Questo in un mondo ricco, perché il mondo è ricco.  Questa situazione ha portato a milioni di persone vittime della tratta e di nuove forme di schiavitù, come il lavoro forzato, la prostituzione e il traffico di organi. Non hanno diritti e garanzie; Non possono nemmeno godersi l’amicizia o la famiglia.

Queste realtà non dovrebbero essere causa di disperazione, no, ma di azione. Sono realtà che ci spingono a fare qualcosa.  

Il principale messaggio di speranza che voglio condividere con voi è proprio questo: questi sono problemi risolvibili e non mancanza di risorse. Non c’è determinismo che ci condanna alla disuguaglianza universale. Lasciami ripetere: non siamo condannati alla disuguaglianza universale. Ciò consente un nuovo modo di assumere eventi, che consente di trovare e generare risposte creative alla sofferenza evitabile di così tanti innocenti; il che implica accettare che, in non poche situazioni, affrontiamo una mancanza di volontà e decisione di cambiare le cose e principalmente le priorità. Ci viene chiesta la capacità di lasciarci interrogare, di far cadere le squame degli occhi e di vedere queste realtà con una nuova luce, una luce che ci porta all’azione.

Un mondo ricco e un’economia vivace possono e devono porre fine alla povertà. È possibile generare e stimolare dinamiche in grado di includere, alimentare, curare e vestire l’ultimo della società invece di escluderle. Dobbiamo scegliere cosa e a chi stabilire le priorità… Dobbiamo essere consapevoli che siamo tutti responsabili. Questo non significa che siamo tutti colpevoli, no;  siamo tutti responsabili di fare qualcosa.   Se c’è estrema povertà in mezzo alla ricchezza – anche estrema ricchezza – è perché abbiamo permesso che il divario si allargasse per diventare il più grande della storia. Questi sono dati quasi ufficiali: le 50 persone più ricche del mondo hanno un patrimonio netto equivalente a 2,2 miliardi di dollari. Quelle cinquanta persone da sole potrebbero finanziare l’assistenza medica e l’educazione di ogni bambino povero nel mondo, attraverso tasse, iniziative filantropiche o entrambi. Quelle cinquanta persone potrebbero salvare milioni di vite ogni anno.

La globalizzazione di indifferenza ha portato all'”inazione”. San Giovanni Paolo II parlava di strutture del peccato . Tali strutture trovano un’atmosfera favorevole alla loro espansione ogni volta che il bene comune  viene ridotto o limitato a determinati settori o quando l’economia e la finanza diventano fine a se stesse. È l’idolatria del denaro, dell’avidità e della speculazione. E questa realtà ora si è aggiunta alla vertigine tecnologica esponenziale, che aumenta la velocità delle transazioni e la possibilità di produrre guadagni concentrati senza mai essere collegati ai processi di produzione o all’economia reale. La comunicazione virtuale favorisce questo tipo di cose.

…Le strutture del peccato  oggi includono tagli fiscali ripetuti per le persone più ricche, spesso giustificate in nome di investimenti e sviluppo; paradisi fiscali per profitti privati ​​e aziendali; e, naturalmente, la possibilità di corruzione da parte di alcune delle più grandi società del mondo, non poche volte in sintonia con alcuni settori politici al potere.   Ogni anno centinaia di miliardi di dollari, che dovrebbero essere pagati in tasse per finanziare l’assistenza medica e l’istruzione, si accumulano nei conti del paradiso fiscale, impedendo così la possibilità di uno sviluppo dignitoso e sostenuto di tutti gli attori sociali.  Le persone povere nei paesi fortemente indebitati sopportano oneri fiscali schiaccianti e tagli ai servizi sociali, poiché i loro governi pagano i debiti contratti insensibilmente e insostenibilmente. In effetti, il debito pubblico contratto, in non pochi casi per stimolare e incoraggiare lo sviluppo economico e produttivo di un paese, può diventare un fattore che danneggia e danneggia il tessuto sociale. Quando finisce orientato verso un altro scopo.

Proprio come esiste una co-irresponsabilità riguardo a questo danno causato all’economia e alla società, esiste anche una corresponsabile fonte di ispirazione e speranza per creare un clima di fraternità e rinnovata fiducia che abbraccia insieme la ricerca di soluzioni innovative e umanizzanti .   È bene ricordare che non esiste una legge magica o invisibile che ci condanna al congelamento o alla paralisi di fronte all’ingiustizia. E ancor meno esiste una razionalità economica che suppone che la persona umana sia semplicemente un accumulatore di benefici individuali al di fuori della loro condizione di essere sociale.

Le richieste morali di San Giovanni Paolo II nel 1991 sono sorprendentemente attuali oggi: «È certamente giusto che i debiti debbano essere pagati. D’altra parte, non è lecito chiedere o chiedere il pagamento quando in realtà si arriverebbe a imporre opzioni politiche che porterebbero alla fame e alla disperazione su intere popolazioni. Non si può pretendere che i debiti subiti vengano pagati con sacrifici insopportabili. In questi casi è necessario – come, per il resto, sta accadendo in parte – trovare modi per ridurre, ritardare o estinguere il debito, compatibile con il diritto fondamentale dei popoli alla sussistenza e al progresso ”(Lettera enc. Centesimus Annus , 35).

In effetti, anche gli Obiettivi di sviluppo sostenibile approvati all’unanimità da tutte le nazioni riconoscono questo punto – è un punto umano – e invitano tutti i popoli a “aiutare i paesi in via di sviluppo a raggiungere la sostenibilità del debito a lungo termine per attraverso politiche coordinate volte a promuovere il finanziamento del debito, la riduzione del debito e la ristrutturazione del debito, se del caso, e ad affrontare il problema del debito estero dei paesi poveri fortemente indebitati per ridurre la sofferenza del debito» (Obiettivo 17.4).

Questo deve consistere nelle nuove forme di solidarietà che ci chiamano oggi, che ci convocano qui, se si pensa al mondo delle banche e della finanza: nell’aiutare lo sviluppo dei popoli rinviati e nel livellamento tra i paesi che godono di un certo livello e livello di sviluppo con coloro che non sono in grado di garantire i minimi necessari ai loro abitanti. Solidarietà ed economia per unire non per la divisione con la sana e chiara consapevolezza della corresponsabilità.

In pratica è necessario affermare che la più grande struttura del peccato, o la più grande struttura dell’ingiustizia, è la stessa industria della guerra, poiché è denaro e tempo al servizio della divisione e della morte. Il mondo perde miliardi di dollari in armamenti e violenza ogni anno, il che porrebbe fine alla povertà e all’analfabetismo se potessero essere reindirizzati. In verità Isaia parlò nel nome di Dio per tutta l’umanità quando previde il giorno del Signore quando “con le spade forgeranno aratri e con lance falci da potatura” ( Is 2,4). Seguiamolo!

Più di settant’anni fa, la Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite ha impegnato tutti i suoi Stati membri a prendersi cura dei poveri nella loro terra e casa e in tutto il mondo; cioè, nella casa comune, ognuno è la casa comune…  Lavoriamo insieme per porre fine a queste ingiustizie. Quando le agenzie di credito multilaterali forniscono consulenza alle diverse nazioni, è importante tenere conto degli alti concetti di giustizia fiscale, i bilanci pubblici responsabili del loro indebitamento e, soprattutto, la promozione efficace e trainante dei più poveri nel quadro sociale . Ricorda loro la loro responsabilità di fornire assistenza allo sviluppo alle nazioni povere e alleggerimento del debito per le nazioni fortemente indebitate. Ricorda loro l’imperativo di fermare i cambiamenti climatici causati dall’uomo, come hanno promesso tutte le nazioni, in modo da non distruggere le basi della nostra Casa Comune.

Una nuova etica significa essere consapevoli della necessità che tutti si impegnino a lavorare insieme per chiudere le tane fiscali, evitare le evasioni e il riciclaggio di denaro che rubano alla società, oltre a dire alle nazioni l’importanza di difendere il giustizia e bene comune sugli interessi delle più potenti compagnie e multinazionali – che finiscono per soffocare e prevenire la produzione locale.  Il tempo presente richiede e richiede il passaggio di una logica insulare e antagonista come unico meccanismo autorizzato per la soluzione dei conflitti, a un’altra logica, in grado di promuovere l’interconnessione che propaga una cultura dell’incontro, dove le solide basi di un Nuova architettura finanziaria internazionale.

In questo contesto in cui lo sviluppo di alcuni settori sociali e finanziari ha raggiunto livelli mai visti prima, quanto sia importante ricordare le parole del Vangelo di Luca: “A chi viene dato molto verrà richiesto molto” (12,48). Com’è stimolante ascoltare Sant’Ambrogio, che pensa con il Vangelo: «Tu [i ricchi] non dai la tua cosa ai poveri [quando fai la carità], ma gli stai dando ciò che è suo. Bene, la proprietà comune data in uso per tutti, la stai usando da sola »( Naboth 12,53). Questo è il principio del destino universale dei beni, la base della giustizia economica e sociale, nonché il bene comune…